LE CASCATE DEL MULINO

A pochi minuti dall’antico borgo di Saturnia e dal complesso termale Terme di Saturnia Spa & Golf Resort® si trova questo angolo di Paradiso della Toscana meridionale, le Cascate del Mulino.

Di origine antichissima, le acque termali di Saturnia si sarebbero originate, secondo la leggenda, dopo che il dio Saturno, adirato con gli uomini in costante guerra tra loro, lanciò un fulmine sulla terra che, conficcandosi sul terreno, originò un cratere dal quale iniziarono a fuoriuscire acque calde dense di vapore, che seppero placare gli animi e dare vita a generazioni di uomini più saggi e pacifici. Oltre la leggenda, le acque di Saturnia erano già apprezzate in epoca antica, Etrusca e Romana per la precisione, e già i Romani costruirono i primi bagni pubblici, utilizzati per la vita sociale e politica della cittadina toscana.

Oggi le Cascate del Mulino sono considerate le più belle terme libere della Toscana, e la ragione è semplice… sono magnifiche! Se vi capita di arrivare da Manciano o Montemerano, fermatevi al belvedere (a circa 1km di distanza dalle cascate) ed ammirate la bellezza di questo luogo… l’alta cascata di acqua calda termale che cade riversandosi sulle vasche scavate naturalmente nel travertino, e proseguono il loro corso fino a raggiungere il ruscello sottostante.

Le acque di Saturnia hanno importanti proprietà benefiche, soprattutto sulla pelle.

PROPRIETA’ DELLE ACQUE DI SATURNIA

Le acque termali di Saturnia sono famose in tutto il mondo per le loro proprietà benefiche e curative.

Uniche nella composizione, le acque di Saturnia sono indicate nel trattamento di problemi dermatologici, respiratori e motori. Dalla sorgente termale di Saturnia le acque fuoriescono alla temperatura di 37.5°C con una portata di 500 l/s, dopo un lunghissimo percorso sotterraneo che parte dal Monte Amiata, durante il quale si arricchiscono di preziosi gas e minerali.

L’acqua termale di Saturnia è solfurea-carbonico-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa, ricca di idrogeno solforato e anidride carbonica.

Per le loro proprietà, le acque di Saturnia sono efficaci nel trattamento di vari disturbi :

  • APPARATO RESPIRATORIO : bronchiti e sindromi rino-sinuso-bronchiali
  • DERMATOLOGIA : acne, psoriasi, eczemi, dermatiti e micosi
  • APPARATO LOCOMOTORE : artrosi, reumatismi e paramorfismi
  • OTORINOLARINGOIATRIA : faringhiti, riniti, tonsilliti e sinusiti
  • APPARATO VASCOLARE : vasculopatie e insufficienza venosa e linfatica
  • APPARATO DIGERENTE : piccola insufficienza epatica, stipsi, dispepsie e dislipidemie

TERME LIBERE CASCATE DEL MULINO

Le Cascate del Mulino sono terme libere, questo significa che l’ingresso è gratuito. Sono un vero e proprio tesoro a costo zero, le proprietà benefiche delle acque, la bellezza del panorama e il fascino della Maremma assolutamente gratis!

In prossimità delle Cascate del Mulino di Saturnia si trova anche un grande parcheggio, anch’esso gratuito.

Le Cascate del Mulino sono sempre aperte, giorno e notte, non ci sono limitazioni di orario, potete decidere di andare in qualsiasi momento della giornata e godere in assoluta libertà.

Un bagno di notte alle Cascate del Mulino è un’esperienza da non perdere, il silenzio della notte, le luci della luna e delle stelle, il rumore dell’acqua che scorre… un vero incanto!

NEI DINTORNI DELLE CASCATE DEL MULINO

Le Cascate del Mulino sorgono nel sud della Maremma Toscana, in prossimità di alcuni dei borghi più belli della regione.

Saturnia si trova solamente a 3km – circa 5 minuti in auto – dalle Cascate del Mulino. E’ uno dei borghi più antichi d’Italia, venne fondato infatti in epoca Etrusco-Romana ed aveva il nome di Aurinia – la città dell’oro -. In epoca romana Saturnia era un importante centro, soprattutto per la sua prossimità al tracciato della Via Clodia, antica via percorsa da commercianti e pellegrini verso Roma. Successivamente la cittadina di Saturnia fu  un possedimento degli Aldobrandeschi, nel XV secolo passò alla città di Orvieto, poi ai Baschi di Montemerano e ai Conti Orsini di Pitigliano. Nel 1410 Saturnia venne conquistata dalla Repubblica di Siena, sotto il governo della quale rimase fino al 1593, anno della conquista dei fiorentini, con la famiglia dei Medici e l’annessione al Granucato di Toscana. La cittadina di Saturnia è oggi un delizioso paesino ricco di storia ed arte, ospita infatti la Chiesa di Santa Maria Maggiore, la Rocca Aldobrandesca, la cinta muraria con la porta romana ed il Museo Archeologico.

Montemerano, uno dei Borghi più Belli d’Italia, sorge a soli 5km dalle Cascate del Mulino, ed è una delle tappe imperdibili in Maremma Toscana. Di origine medievale, il borgo si è mantenuto pressoché immutato nel corso dei secoli ed oggi per le sue vie del borgo si respira ancora quell’atmosfera antica, con le botteghe artigiane ed i palazzi storici. Montemerano nacque grazie alla famiglia degli Aldobrandeschi nel XIII secolo, nel XIV secolo venne conquistato dalla famiglia dei Baschi, un secolo dopo passò alla Repubblica di Siena e alla fine del XVI secolo, al Granducato di Toscana. A Montemerano non perdete la visita della Chiesa di San Giorgio, della scenografica Piazza del Castello e delle bellissime mura di cinta.

Manciano, a soli 12km dalle Cascate del Mulino, è uno dei principali borghi della Maremma Toscana, soprannominato la Spia della Maremma, per il meraviglioso panorama che offre ai suoi visitatori, il borgo ha origini molto antiche. Manciano venne fondato in epoca medievale, sicuramente prima del 1188, sotto il controllo della famiglia degli Aldobrandeschi. Successivamente il castello di Manciano passò agli Orsini e poi alla città di Orvieto, in seguito alla famiglia Baschi di Montemerano e poi ai Conti Orsini di Pitigliano. Nel 1416 Manciano venne conquistato dalla Repubblica di Siena e nel 1557 fu concesso al duca Cosimo II Medici, finendo tra i territori del Granducato di Toscana. Manciano ha un meraviglioso patrimonio storico-artistico, il Cassero, dal quale si ammira un panorama che spazia a 360° dal mare della costa tirrenica fino agli Appennini, la Chiesa di San Leonardo, la Fontana di Piazza Garibaldi, la cinta Muraria, la Torre dell’Orologio e la Chiesetta della Santissima Annunziata.