SCANSANO

Famoso in tutto il mondo per il suo vino, il Morellino, Scansano è un paese di origine medievale adagiato sulle colline maremmane. Inutile ricordarlo per l’enoturismo (decine di cantine visitabili) e per la sua cucina ma Scansano offre tanti altri motivi per una visita.

 

Cosa vedere a Scansano

Il centro storico del paese è molto caratteristico, tra le vie si possono apprezzare numerosi edifici di origine medievale, tra i più importanti Palazzo Vaccarecci, la chiesa di San Giovanni Battista, il Palazzo Pretorio, l’antico Ospedale dei pellegrini, il teatro. Anche le antiche mura cittadine sono ancora riconoscibili sugli edifici del centro storico e in alcuni tratti percorribili.
Una delle attrazioni principali del borgo di Scansano è il Museo Archeologico e della Vite e del Vino che si trova all’interno del Palazzo Pretorio nell’omonima piazza.

Il museo offre una panoramica sulla storia della presenza umana nell’età antica nella valle dell’Albegna raccogliendo anche i reperti dell’abitato etrusco di Ghiaccio Forte. Questo insediamento si trova a circa 12 km da Scansano (altro luogo da visitare).
Come detto elemento centrale delle attrattive di Scansano è senza dubbio il suo Morellino che ha reso il paese famoso in tutto il mondo. Il Morellino ha raggiunto il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata nel 1978, e nel 2006 la Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Prodotto da disciplinare con uve di vitigno Sangiovese (Morellino) per l’85% e per la restante parte da vitigni a bacca nera non aromatici, occupa la fascia collinare della provincia di Grosseto tra i fiumi Ombrone e Albegna. In questo territorio vi sono decine e decine di cantine produttrici molte delle quali visitabili, disponibile per degustazioni e acquisto dei vini. Durante l’anno vi sono anche diversi eventi dedicati a questo prodotto.


Storia di Scansano
Il nome “Scansanoi” probabilmente trae origine da Santo Ansano, martire cristiano che predicò il vangelo in queste zone. L’area attorno al paese fu abitata fin dall’Età del Bronzo, come testimoniano scavi archeologici effettuati. Dal 280 a.C. la storia di Scansano si lega a quella di Roma, in questo periodo vennero costruite diverse fattorie che crebbero nel corso del tempo. Il paese nacque intorno all’anno 1000. Nel 1273 passò sotto i Conti Aldobrandeschi di Santa Fiora, che dominarono per oltre 200 anni. Il paese passo dagli Aldobrandeschi agli Sforza grazie a un matrimonio e poi ai Medici acquisendo notevole importanza in Maremma.
Una particolarità racconta di come il Comune di Grosseto trasferisse molti dei suoi uffici proprio a Scansano, nei periodi in cui la Maremma era infestata dalla malaria (estatatura).